16 | 12 | 2017

Corso vernici Roma 2014

Il Cesmar7
Centro per lo Studio dei Materiali per il Restauro

organizza a

Roma

nei giorni
3-4 ottobre 2014
il Corso di aggiornamento teorico-pratico per restauratori:

La vernice
Un percorso di aggiornamento: dai materiali tradizionali alle resine a basso peso molecolare


Docenti: Roberto Bestetti - Ilaria Saccani

Sede dello svolgimento:
Laboratorio L.Severini – M.Rossi Doria
via Giacinto Viola 66 Roma
Quartiere Monteverde Nuovo
Cell.3282959855

Date e Orario: 3-4 ottobre 2014. Ogni giorno 9.00-13.00 e 14.00-17.00, 14 ore totali (7 di teoria e 7 di pratica)

Programma:
La chimica delle vernici naturali e sintetiche

  • Introduzione: cenni di chimica generale e organica, il processo ossidativo. Chimica dei polimeri (tipi di polimerizzazione, strutture dei polimeri, polimeri termoplastici e termoindurenti, Tg). Meccanismi di filmazione: fisico, chimico, filmazione delle dispersioni (coalescenza, MFT)
  • Proprietà delle vernici: fisiche, chimiche e ottiche. Tipologie di degrado

PRIMA PARTE- VERNICI TRADIZIONALI
Chimica dei principali materiali usati storicamente nella verniciatura:

Chimica dei terpeni. Essenze (monoterpeni e sesquiterpeni), Diterpeni: colofonia, trementine, copali, sandracca; Triterpeni: approfondimento su Dammar e Mastice. Caratteristiche chimiche ed ottiche. Altre resine: gommalacca

Altri materiali usati nella verniciatura: gomme vegetali, colle, bianco d’uovo, cere; caratteristiche chimiche e degrado.


SECONDA PARTE- MATERIALI SINTETICI
Caratteristiche chimiche, degrado, pro e contro delle seguenti resine:

  • Resine ad alto PM: PVAc , Resine acriliche (Paraloid, differenze tra di essi a livello chimico)
  • Resine a basso PM (LMW): Resine chetoniche (Laropal K80), Resine ureo aldeidiche (Laropal A81), Resine alifatiche (Regalrez 1094). Caratteristiche chimiche, ottiche e stabilità

Additivi:

  • Kraton G1650: caratteristiche chimiche, vantaggi/svantaggi
  • HALS e TINUVIN 292: struttura, meccanismo d’azione degli HALS

Caratteristiche delle resine ad alto peso molecolare a confronto con LMW resins: proprietà ottiche, no flow point, potere livellante, saturazione e lavorabilità.
I solventi per la preparazione delle vernici a base di Regalrez 1094 e Laropal A81: Shellsol D40, T e D70, Xileni e Shellsol A100. Proprietà e schede di sicurezza, tossicità. Variazione delle prestazioni ottiche mediante l’uso dei diversi solventi.
Interazione verniciatura- strato pittorico (leaching, lavori di Feller e e K.Sutherland)
-
TERZA PARTE

  • Aspetti storici e metodologici sull’uso delle vernici
  • Le Tipologie di vernice
  • I Materiali tradizionali per vernici: le Resine, I solventi , i possibili additivi
  • L’ Evoluzione delle vernici, vernici ad olio, vernici a spirito e vernici all’essenza
  • L’uso della vernice nell’800 all’interno delle pratiche pittoriche
  • La vernice di restauro nella tradizione italiana.
  • Casi particolari legati all’uso pittorico della vernice
  • Il sondaggio sulle vernici: le modalità di verniciatura più diffuse e difetti generali della pratica di verniciatura
  • Rapporto verniciatura-pulitura, esame teorico ed etico del ciclo della pulitura, riflessioni metodologiche.

Applicazioni pratiche

  • Materiali sintetici: preparazione ed utilizzo di vernici acriliche preparazione ed utilizzo delle resine a basso peso molecolare: Laropal A-81 e Regal Rez 1094\1126
  • I solventi ad alto punto di ebollizione.
  • La formulazione dei preparati a base di solventi poco tossici.
  • Problematiche di applicazione e problematiche legate al solvente, i solventi Shellsol, graduazione della brillantezza con solventi
  • Materiali per il ritocco pittorico, scelta dei pigmenti, preparazione di colori a vernice a base di Laropal A-81 e Paraloid B-72.
  • Esempi di utilizzo attraverso immagini fotografiche di alcuni interventi sia su dipinti che su materiali lignei.
  • Applicazioni pratiche, prove di stesure di vernici e cenni di ritocco pittorico con i materiali analizzati.
  • Ricette

Costo e modalità di iscrizione. Quota individuale di partecipazione: 215 euro comprensivo di IVA; 190 Euro comprensivo di IVA per i soci Cesmar7 regolarmente iscritti al momento della pubblicazione di questo annuncio.
Per prenotare le iscrizioni contattare il CESMAR7: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo., segreteria telefonica 348 321 2820. Per essere confermate, le iscrizioni dovranno essere convalidate dal versamento della quota, secondo le modalità sotto indicate, entro la data: venerdi 26 settembre 2014
I versamenti, indicanti la causale “CR 14005” devono essere effettuati tramite Versamento intestato a Centro per lo studio dei materiali per il restauro 7, presso UniCredit Banca Spa, Agenzia Verona Valdonega, Via Marsala 15, 37128 Verona. Per l’Italia: IBAN IT58 D 02008 11732 000001170189. Per l’Estero: Cod. BIC SWIFT UNCRITM1S11.

Si prega di specificare il nome della persona partecipante al corso (se diversa da quella che effettua il versamento) e di contattare comunque il Cesmar7 per confermare la partecipazione al corso e comunicare la data dell’avvenuto versamento e i dati necessari per la fattura.
Per motivi di capienza del laboratorio ospitante, il numero massimo di partecipanti è di 20.

Informazioni per i partecipanti:
Saranno forniti gli appunti del corso e sarà rilasciato attestato di frequenza.

Per raggiungere la sede del corso:
per chi viene da Roma gli autobus di riferimento sono: 44, 31, 33, 719, 786, 773, H.
Dalla stazione Termini collegamento con bus H (fermata via di Monte Verde)
Dalla stazione metro Laurentina collegamento con bus 31(fermata Colli Portuensi-Alessandri)
Dalla stazione Trastevere (la più vicina) collegamento con tram 8 (fermata via di Monteverde)
Ricordo inoltre che è attivo a Roma il servizio car sharing (car-to-go ed enjoy) per coloro che possedessero la tessera.
Dall'aeroporto di Fiumicino la distanza non è molta visto che siamo sulla direttiva. Cè un trenino che porta direttamente alla stazione Trastevere.